Non posso dormire
Torna a letto
Che c’è in quella scatola?
Niente sù torna a letto
Andiamo!
Se te la faccio vedere giuri di non dirlo a nessuno al mondo?
Giuro.
Croce su cuore!
... ho trovato tutto nel buco di quell’albero, poco alla volta. Questa è una medaglia. Sai di quelle medaglie che davano a scuola ai ragazzi più bravi prima che nascessimo noi. E un’altra volta ci ho trovato questo. E questo. Scout, la sai un’altra cosa che non ti ho detto di quella volta che tornai a prendere i pantaloni?
Un’altra cosa? Ma non mi hai mai detto niente di quella volta!
Bhè... ti ricordi che i pantaloni erano rimasti impigliati? Erano tutti attorcigliati e non riuscivo a staccarli. Quando sono ritornato erano poggiati alla staccionata, come se stessero ad aspettarmi.
...
Jem e Scout, 1932



L’archivio materico è composto di oggetti che le persone lasciano come traccia del loro passaggio, la parete di una stanza viene rivestita di pannelli in legno ed adibita a questo. Alle persone che vanno via vengono offerte bustine di plastica trasparenti ed etichette bianche su cui poter scrivere la data del giorno e l’ora del momento, e se vogliono una parola o una frase-segno; scelgono il punto della parete in cui vogliono appendere la loro busta e lo fanno, con chiodo e martello.

Trasmissione archivio materico: la friuzione dell’archivio materico rimanda alla fruizione del lavoro al di fuori dello spazio del suo svolgimento.
In merito Svarnet ha ritenuto possibile poter separare i risultati dei tre differenti archivi come a fornire, in luoghi diversi, tracce di uno stesso processo.
Prima occasione di fruizione dell’archivio materico, composto per il momento dalle tracce lasciate dai visitatori nel corso del primo mese di casa Svarnet c\o Es-Terni (Settembre 2007, Vico S. Chiara 11), è stata la prima tappa del progetto-concorso EXTRA, nel Maggio 2008 a Castrovillari. In quest’occasione è stato allestito un tavolo da pranzo con al centro le due scatole di legno che costituiscono l’archivio attuale; una è chiusa, e contiene l’archivio materico, l’altra, aperta e consultabile, contiene una per una una le scansioni delle tracce lasciate.